top of page

IMMOBILI INAGIBILI: L’IMU SI PAGA ANCHE IN QUESTO CASO?

Sono classificati come immobili inagibili tutte quelle strutture che a vario titolo non sono abitabili, perché metterebbero a repentaglio la sicurezza dei loro occupanti.

Per rendere agibile un edificio occorre intervenire con specifici lavori di ristrutturazione.

Ecco quali sono le normative fiscali che li riguardano e come devono comportarsi i proprietari di un immobile inagibile.



Come funziona l’IMU per gli edifici inagibili

L’imposta municipale unica viene applicata a tutti gli immobili di proprietà, a esclusione di quello adibito a prima abitazione.

Il principio è valido anche per i cittadini che possiedono strutture che non sono abitabili di fatto o non hanno il certificato di agibilità a prescindere dall’utilizzo.

Per i fabbricati di questo tipo, la legge 160/2019 stabilisce però una riduzione della base imponibile del 50%, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono le condizioni che ne impediscono l’utilizzo.

Prima è necessario effettuare una perizia a carico del proprietario o un’autocertificazione che attesti l’inagibilità del fabbricato da parte di un tecnico abilitato.


Le condizioni per richiedere lo sconto sull’IMU

Per essere applicata la riduzione necessita di alcune condizioni specifiche:

  • l’immobile non deve essere utilizzato, anche per usi difformi rispetto alla destinazione originaria;

  • l’agevolazione non si può applicare ai fabbricati oggetto di interventi di demolizione o di recupero edilizio ai sensi dell’articolo 3 del decreto 380/2001.

Nel caso in cui un soggetto erediti un immobile inagibile la situazione rimane invariata.

Non si è invece tenuti a versare l’Irpef e le relative addizionali.

La vendita è sempre vietata in mancanza di una certificazione di agibilità rilasciata da terzi.

Per evitare di continuare a pagare l’IMU, senza poter di fatto utilizzare l’edificio, è consigliabile provvedere alla sua ristrutturazione specifica.

Attualmente, lo Stato prevede però delle agevolazioni fiscali per rimettere in sesto un immobile che altrimenti continuerebbe a essere non remunerativo.

*Questo contenuto ha scopo informativo e non ha valore prescrittivo. Per un’analisi strutturata su ciascun caso personale si raccomanda la consulenza di professionisti abilitati.

.

.

.

Continuate a seguirci!

Chiamaci senza impegno allo 06.94805128

oppure clicca sul link: https://www.fabiomelis-affarefatto.com/valuta-il-tuo-immobile



Come sempre speriamo di esserti stati di aiuto.


Buon inizio settimana!



Rif.- immobiliare.it

Comentarios


bottom of page