top of page

PLUSVALENZA SULLA PRIMA CASA: COSA SAPERE

Volendo investire nel settore immobiliare è importante mettere subito a fuoco il concetto di plusvalenza e la tassazione alla quale questa è sottoposta dallo stato.




Cos’è la plusvalenza?

La plusvalenza altro non è che l’aumento di valore di un bene tra il prezzo di acquisto e la cifra al quale viene venduto. Grazie al plusvalore è, quindi, possibile generare un profitto. Ad esempio è possibile generare una plusvalenza di 30.000 € acquistando un immobile a 200.000 € per poi rivenderlo a 230.000 €.

Chiaramente, creare una plusvalenza è l’obiettivo principale di chi si cimenta nella compravendita di beni immobiliari. Ma nel generare plusvalenza è importante mettere in conto l’azione del Fisco che tasserà la differenza di prezzo. Per capire se la vendita sarà sufficientemente proficua bisogna, quindi, calcolare la tassazione.


Come è tassata la plusvalenza immobiliare?

Al momento della vendita il proprietario dell’immobile deve scegliere una delle due diverse modalità messe a disposizione dalla legge per far affrontare la tassazione prevista:

  • pagare l’IRPEF comunicando la plusvalenza nella dichiarazione dei redditi e demandando l’importo da pagare allo scaglione contributivo di appartenenza;

  • pagare l’imposta sostitutiva del 26% al momento della firmare dell’atto notarile di vendita dell’immobile. In questo caso il notaio calcolerà le tasse stabilendo la cifra da versare all’Agenzia delle Entrate.

A fronte di tutto ciò è importante valutare quale sia la tassazione più conveniente per la propria situazione e massimizzare così il profitto generato dalla vendita.


È possibile non pagare le tasse sulla plusvalenza?

In alcuni casi la plusvalenza non è tassata e quindi volendo vendere è importante valutare la possibilità o meno di rientrare in alcuni casi specifici. È possibile non pagare le tasse sulla plusvalenza:

  • vendendo l’immobile dopo 5 anni dal precedente acquisto;

  • vendendo, un immobile ricevuto in eredità, entro 5 anni dalla sua acquisizione;

  • vendendo l’immobile acquistato dopo averlo adibito ad abitazione principale dell’acquirente o dei familiari.

Nel caso in cui si decida di vendere l’immobile registrato come “abitazione personale” è fondamentale poter dimostrare che per più della metà del tempo trascorso tra l’acquisto e la vendita la casa sia stata realmente abitata, portando una prova della residenza anagrafica.


Costi detraibili

La plusvalenza immobiliare prevede alcuni costi detti “detraibili”, vediamo nel dettaglio tali voci:

  • le imposte pagate per l’acquisto del bene immobile (come imposte di registro, imposte catastali e ipotecarie);

  • il compenso del notaio (per il rogito e la consulenza);

le fatture pagate per apportare migliorie all’immobile (nel caso di interventi di manutenzione straordinaria).

* Questo contenuto ha scopo informativo e non ha valore prescrittivo. Per un’analisi strutturata su ciascun caso personale si raccomanda la consulenza di professionisti abilitati.

.

.

.

Continuate a seguirci!

Chiamaci senza impegno allo 06.94805128

oppure clicca sul link: https://www.fabiomelis-affarefatto.com/valuta-il-tuo-immobile



Come sempre speriamo di esserti stati di aiuto.


Buon inizio settimana!



Rif.- immobiliare.it

Σχόλια


bottom of page