DALLA RUBRICA "ATROCITÁ IMMOBILIARI": CAPITOLO 4 - "La stanza di Alessia"


da fatti realmente accaduti

LA SCOPERTA, DOPO 64 ANNI DI UNA STANZA ABUSIVA.


Oggi parliamo della storia di Alessia e delle vicissitudini che ha dovuto affrontare per la vendita del suo pentalocale.

Anche in questa storia ti accorgerai di come le “Atrocità Immobiliari” si possano nascondere pressoché ovunque, e quindi, con una certa probabilità, anche nella tua abitazione!


Alessia, così come altri clienti, grazie al nostro lavoro ha potuto evitare guai seri, che avrebbe senza dubbio dovuto affrontare se avesse deciso di mettere in vendita da sola il proprio immobile.



Alessia è una donna di 49 anni, proprietaria di un grande quadrilocale situato a Roma. Ci ha contattato tramite la referenza di un suo conoscente, già nostro cliente, che si è trovato molto bene con noi.

Da un primo colloquio conoscitivo, Alessia mi ha raccontato che dopo la morte del padre, avvenuta circa 2 anni fa, ha ricevuto in successione l’appartamento in cui abitava il genitore. Si tratta di un ampio appartamento a Roma, che Alessia desiderava vendere dal momento che lei attualmente abitava in un altro Comune.


É un appartamento piuttosto datato che necessita di ristrutturazione, motivo in più secondo lei per venderlo. Alessia, poco dopo, venne a sapere di un possibile acquirente, il suo vicino di casa e proprietario dell’appartamento sopra al suo. Il quadrilocale, infatti, è inserito in un contesto bifamiliare e si trova al piano terra. Al primo piano c’è un secondo appartamento abitato da un’altra famiglia, i cui trascorsi con il padre sono tutt’altro che buoni: il papà di Alessia e il vicino del piano superiore non sono mai andati d’accordo, motivo per cui l’intera abitazione non è mai stata ristrutturata nel tempo e si presenta ora in pessime condizioni.


Siccome anche Alessia stessa non ha avuto buoni rapporti con i vicini, ha incaricato direttamente me, Fabio Melis e quindi #Affarefatto, di approfondire questo eventuale interesse di acquisto.



Ho spiegato a Alessia step by step in cosa consiste il nostro metodo di lavoro e cosa ci consente di vendere le case in meno di 90 giorni; li rivediamo ora insieme:

Per prima cosa procediamo con la valutazione dell’immobile, che consiste da un lato nel VALUTARE IL GIUSTO PREZZO DI MERCATO, dall’altro anche NELL’ANALIZZARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE relativa all’appartamento (schede catastali, atti comunali ecc…). Per saperne di più clicca qui. La Valutazione è una parte fondamentale del nostro lavoro ed è principalmente da questa che dipende l’esito della vendita. Innanzitutto va stabilito se l’immobile sia idoneo per essere venduto: spesso si trovano difformità e abusi di vario tipo, che rendono una casa così com’è, non idonea alla vendita. È proprio per questo motivo che analizziamo in profondità tutta la documentazione. Grazie alla Valutazione Specifica di Mercato si stabilisce inoltre un prezzo di vendita che sia realistico e che permetta una vendita rapida e senza una svendita.



Come vedi, dietro alla vendita di un’abitazione c’è moltissimo lavoro e spesso tutti questi step vengono ignorati da chi non è del settore, pensando che il lavoro dell’Agente Immobiliare consista nel mettere qualche annuncio dell’appartamento online e mostrare la casa ai potenziali acquirenti.... Beh, non è solo questo! Almeno non per noi o per chi svolge questo lavoro con professionalità!

Continua a leggere la storia di Alessia e capirai perché è necessario procedere in questo modo per vendere in sicurezza...

Tornando a noi...subito dopo aver appreso del nostro modo di lavorare, Alessia si è mostrata preoccupata: mi ha raccontato che nel 2002 era stata costretta a rilevare una quota di appartamento del padre per evitare che finisse all’asta, a causa di problemi economici del papà. Su questa abitazione dunque non aveva ricordi piacevoli;

inoltre il papà, negli anni aveva fatto delle opere, ma senza dichiarare nulla in Comune, mi ha avvertito quindi che quasi certamente dall’analisi della documentazione sarebbero risultati diversi aspetti non a norma.

Ho tranquillizzato la nostra cara cliente, dicendole che nel mio lavoro questi “inconvenienti” sono all’ordine del giorno e che lo scopo di questa analisi è anche quello di FAR EMERGERE EVENTUALI DIFFORMITÀ PRIMA DELLA VENDITA, in modo da porre subito un rimedio.



Dopo pochi giorni dal primo contatto con Alessia, ho eseguito il sopralluogo presentandomi all’indirizzo indicato. Da una rapida occhiata, non si poteva che dare ragione alla prima descrizione della cliente: l’immobile era piuttosto fatiscente ed era chiaro che nel tempo non erano stati fatti grandi interventi di manutenzione. Questo è stato confermato anche dallo stato degli ambienti interni, poco curati e dall’aspetto decadente.

Visitando l’appartamento con le planimetrie catastali alla mano, sono balzate subito all’occhio alcune difformità.

Partendo dal fatto che le schede catastali erano state rifatte nel 2002, anno in cui Alessia è stata costretta a rilevare la quota del papà prima che finisse all’asta, nell’atto di provenienza non risultava alcuna pratica urbanistica. Le schede catastali non erano quindi conformi a quello che si presentava sul posto: difformità a livello di alcune pareti, non risultava una finestra del bagno...ma avrei scoperto solo dopo la difformità più grave di tutta l’abitazione, visitando il seminterrato: sui documenti risultava un’area di seminterrato divisa tra un'area esclusiva di Alessia, una esclusiva del vicino più una sezione in comune. La difformità stava proprio nella suddivisione di questa parte di seminterrato di proprietà comune alle due unità familiari e in questo caso era coinvolto anche l’appartamento del vicino di Alessia.


documenti

Messa subito al corrente la nostra cliente di questa situazione, il passaggio successivo sarebbe stato fare l’accesso agli atti in Comune e verificare i documenti depositati.

Nel frattempo, ho conosciuto il vicino per capire se esistesse un interesse reale di acquisto e per spiegargli le difformità emerse nell’interrato che purtroppo riguardavano anche la sua proprietà. Con mia sorpresa ho trovato una persona molto disponibile e realmente interessato all’acquisto dell’appartamento al piano terra.

Mi ha raccontato che nel corso dei 30 anni passati, da quando ha acquistato quell’appartamento, non si trovava con i genitori di Alessia per diversi motivi e che i documenti quindi non sono mai stati rivisti e sistemati, nonostante lui avesse la volontà di farlo. Non era dunque sorpreso di sapere che ci fossero degli aspetti da mettere a norma.

Durante l’attesa dei documenti che mi avrebbe fornito il Comune, il vicino ha avanzato una proposta di acquisto, rendendosi anche disponibile a mettere a norma l’abitazione. Dopo una ventina di giorni dalla richiesta, il Comune ci ha chiamato per i documenti richiesti...zazazazaaaaa


Sull’abitazione risultano più pratiche edilizie: La prima pratica risale al 1957: si tratta della pratica originaria con cui è stata autorizzata la costruzione del piano terra e dell’interrato. C’è poi una seconda pratica del 1969, dove risulta la costruzione del primo piano (corrispondente all’appartamento del vicino). Infine, risulta una pratica di manutenzione straordinaria del tetto, i cui lavori però non sono mai iniziati.

È stato proprio analizzando i documenti depositati in Comune che sono "emersi i guai", si trattava infatti di difformità così gravi che raramente si trovano nelle abitazioni (nonostante ne veda di ogni tipo, praticamente tutti i giorni!). In particolare, gli aspetti che non andavano erano questi: sulla pratica originaria del 1957 non risultava una stanza di 15 mq, che invece era presente nell’appartamento di Alessia e sulle planimetrie catastali rifatte nel 2002 (si trattava quindi di una stanza non autorizzata). Inoltre, nel piano interrato mancava sulla pratica edilizia parte della cantina di proprietà del vicino, che era presente sul posto e non sui documenti. Inoltre, anche la parte comune nell’interrato alle due unità era totalmente difforme rispetto allo stato dei luoghi e a quelle presenti sulle planimetrie catastali.

gif


L’aspetto degno di nota, e che deve portarti a riflettere, è che queste difformità così gravi sono state evidenziate grazie all’analisi dei documenti depositati in Comune, SE INVECE CI FOSSIMO FERMATI ALLE PLANIMETRIE CATASTALI NON LE AVREMMO SCOPERTE. Per questo motivo noi procediamo con un’analisi della documentazione così approfondita, proprio perché

un’abitazione può risultare a norma catastalmente ma può non esserlo urbanisticamente.

Nel caso di Alessia anche dalle schede catastali risultava qualche aspetto da sistemare, ma nulla di particolarmente grave. Diversa la situazione che abbiamo invece riscontrato dai documenti in Comune.

Il mio lavoro e quello della mia Agenzia è anche quello di trovare una soluzione per problemi come questi, seppur gravi. Interpellato il nostro geometra, che ha capito al volo la situazione, ha contattato il tecnico Comunale per capire come procedere. La strada è stata tutt’altro che semplice. Ecco tutto quello che Alessia ha dovuto fare per mettere a norma la sua abitazione, ANCOR PRIMA DI VENDERLA!

È stata fatta una pratica edilizia importante che riguardava tutte e due le unità immobiliari; ha dovuto pagare la pratica edilizia, il nuovo accatastamento e gli oneri per i volumi in più di quella stanza non autorizzata, oltre che una sanzione; il vicino, proprietario dell’appartamento al piano di sopra, ha dovuto pagare gli oneri per quanto riguarda i mq di interrato non autorizzati. 
In tutto, la spesa è stata di ben 9.000 euro! Consideriamo che Alessia è stata fortunata, avendo diviso gli oneri con il vicino, dal momento che la pratica edilizia riguardava entrambe le unità abitative.  In ogni caso, 9.000 euro spesi per VENDERE UNA CASA! 
Sembra quasi un paradosso, eppure  situazioni come questa capitano e non di rado.  

Cosa sarebbe successo se Alessia avesse trovato un acquirente diverso dal suo vicino?

Ad Alessia è andata bene dal momento che i problemi riguardavano anche la'ppartamento attuale del vicino.

Se si fosse trattato invece di una persona diversa, ci sarebbe stato un probabile un rifiuto di gravarsi di una spesa simile e quindi Alessia sarebbe stata costretta a pagare tutto da sola, pena l’impossibilità di vendita del suo appartamento! Inoltre, diversi i rischi che avrebbe corso Alessia se non si fosse affidata a dei professionisti: avrebbe venduto un’abitazione non a norma, rischio quindi di un atto nullo di vendita più un risarcimento agli eventuali acquirenti. Grazie al nostro aiuto Alessia è riuscita a vendere la sua abitazione in sicurezza, sentendosi tutelata e tutelando anche l’acquirente.




Vuoi vendere la tua casa in totale serenità, velocemente e senza svendere? Richiedi una CONSULENZA GRATUITA cliccando qui!


Fabio Melis

#Affarefatto




Se anche tu vuoi vendere la tua casa in totale sicurezza, velocemente e senza svendere, richiedi subito una CONSULENZA GRATUITA cliccando qui!


https://www.fabiomelis-affarefatto.com/valuta-il-tuo-immobile


Spero di esserti stato di aiuto e ti auguro come sempre una buona vendita!


Fabio Melis

#Affarefatto


RICORDA

*L’unico modo per tutelarti al 100% e vendere casa in totale tranquillità è la VALUTAZIONE SPECIFICA DI MERCATO*


. .

.

.

Continuate a seguirci!

Chiamaci senza impegno allo 06.94805128

oppure clicca sul link: https://www.fabiomelis-affarefatto.com/valuta-il-tuo-immobile



Come sempre spero di esserti stato di aiuto.


Buona vendita!



Rif.ME - Fabio Melis

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti